skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Paolo Nardi nuovo presidente regionale di Confartigianato Abbigliamento

”Il nostro distretto è fantastico, ma per guardare al futuro serve un cambio di rotta”
PAOLO NARDIFocalizzare i problemi reali e concreti delle aziende associate e affrontarli insieme. A più largo respiro, lavorare per cambiare la mentalità del distretto orientandosi sempre più su un concetto di microfiliere, superando le troppe divisioni e i compartimenti stagni tra una lavorazione e l’altra in un’ottica di integrazione e maggiore coordinamento. Queste le priorità nel programma di Paolo Nardi, titolare di un maglificio a Poggio a Caiano e salito qualche giorno fa alla guida del settore Abbigliamento per Confartigianato Toscana. “Sono giovane, ho figli piccoli: questo per chiarire che il mio obiettivo è quello di guardare a un futuro lontano, non quello di agguantare la pensione – dice Nardi – Per guardare  al futuro però servono dei cambiamenti e sono da fare in tempi brevi. Il nostro è un distretto fantastico, che per tanti anni ha garantito sviluppo e ricchezza. Oggi tuttavia persistono alcuni retaggi che è urgente metterci alle spalle. Gli imprenditori sopravvissuti alla crisi oggi devono dare un servizio ai clienti. Per riuscirci al meglio occorre cambiare strategia e modo di lavorare, considerando la filiera nel suo complesso. Oggi persistono troppe divisioni all’interno della filiera tessile: l’azienda committente deve cambiare ottica ottimizzando il lavoro da monte a valle in una logica di sviluppo collettivo. Uno sviluppo che non può più guardare alla sola produzione ma orientandosi anche sempre più verso un’interfaccia coi mercati. Il concetto della microfiliera, dove si lavora come singoli ma nell’ottica di un interesse comune, ritengo sia la chiave di volta per progettare il futuro. È tempo di finirla con le aste e l’individualismo che hanno reso sempre troppo fragile il potere contrattuale del nostro distretto”. Realizzare tutto ciò, almeno per ora, appare impresa ardua. “Non nascondo che le difficoltà per arrivare a una concezione come questa sia oggi ancora difficile. Ma non partiamo da zero. Come Confartigianato dobbiamo più che mai affiancare le aziende e sostenerle nei loro problemi concreti, quotidiani. Partiamo dalla realtà esistente per migliorarci sempre, magari partendo da un aspetto, come potrebbe essere quello del risparmio energetico o dello smaltimento dei rifiuti: attraverso collaborazioni e convenzioni possiamo offrire vantaggi alle aziende e da qui poi sviluppare altre sinergiue che possano portare in modo naturale a un’ottica di maggiore integrazione”.


Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top