skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |
GREEN PASS

OBBLIGO DI GREEN PASS: LE SEMPLIFICAZIONI DELLA LEGGE DI CONVERSIONE

CONVERTITO IL D.L. 127/2021 – GREEN PASS: COSA CAMBIA

Dal 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, per “chiunque svolge una attività lavorativa nel settore privato è fatto obbligo, ai fini dell’accesso nei luoghi in cui la predetta attività è svolta, di possedere e di esibire su richiesta la certificazione verde”.

Con la conversione in legge del Decreto sono state apportate le seguenti novità:

  • I lavoratori possono richiedere di consegnare al proprio datore di lavoro copia della certificazione verde. In caso di consegna del green pass, i lavoratori saranno esonerati dal controllo quotidiano fino alla scadenza della propria certificazione verde.
  • Viene chiarito che,  per i lavoratori somministrati, la verifica circa il possesso della certificazione verde spetta all’utilizzatore, mentre è onere del somministratore informare ii lavoratori circa gli obblighi normativamente previsti.
  • Nelle aziende con meno di 15 dipendenti, alle quali era consentita l’assunzione in sostituzione – dopo 5 giorni di assenza per assenza di green pass del lavoratore – per un periodo massimo di 10 giorni rinnovabile di altri 10 giorni, è stato concesso che il rinnovo possa avvenire più di una volta, comunque fino al 31/12/2021 e specificato che i 10 giorni previsti dalla normativa sono giorni “lavorativi”.

E’ stato poi inserito nella norma un chiarimento ministeriale intervenuto nelle prime settimane di applicazione del decreto:  la scadenza della certificazione verde in corso di prestazione lavorativa non da luogo all’applicazione delle sanzioni per mancanza del certificato. La permanenza del lavoratore sul luogo di lavoro è comunque consentita per concludere il turno lavorativo.

Viene da ultimo chiarito che l’obbligo di esibire il green pass riguarda anche i soggetti che svolgono attività di “docenti”.

RACCOLTA DEI GREEN PASS E PRIVACY

Al fine di conciliare la raccolta dei green pass, con annotazione di scadenza, e le esigenze di privacy, è opportuno che l’azienda:

  1. proceda alla NOMINA DI SOGGETTO AUTORIZZATO/DESIGNATO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI, NELLO SPECIFICO, PER LA VERIFICA E CONSERVAZIONE DEL GREEN PASS;
  2. consegni al lavoratore adeguata INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI, NELLO SPECIFICO, PER LA CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19
Per informazioni e/o chiarimenti, i nostri uffici sono a disposizione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top