skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

FILIERA TESSILE PRATESE: RISULTATI MAPPATURA

iI 27 Luglio u.s.  si è tenuto in CCIAA di Prato il convegno che ha concluso il percorso di Mappatura della Filiera Tessile Pratese, analisi ideata e promossa da Confartigianato, (che ha avuto il compito di coordinare i tavoli di lavoro), e dalle altre associazioni del territorio, che ha avuto adesione e sostegno  immediato dalla CCIAA di Prato e dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Prato. E’ stato necessario un notevole impegno, a partire da settembre 2012,  perché la classificazione Ateco delle imprese utilizza pochi codici che non ricalcano assolutamente l’articolazione e la complessità del profilo organizzativo della Filiera tessile pratese, sia in orizzontale che, soprattutto, in verticale. Ad esempio i lanifici e le tessiture c/t condividono lo stesso codice.
Da un elenco iniziale di 4.300 imprese a seguito di tutta una serie di verifiche e di riposizionamenti sono rimaste 2.305 imprese suddivise poi nelle macro-fasi da analizzare.
I risultati emersi durante il percorso di mappatura della filiera tessile sono stati pubblicati sul sito camerale (leggi)  e sono suddivisi per fasi di lavorazione analizzate:
– Filature cardate: RisultatiElementi di discussione;
– Tessiture ortogonali conto terzi: RisultatiElementi di discussione;
– Nobilitazione tessile: RisultatiElementi di discussione;
– Produttori di filati e lanifici: RisultatiElementi di discussione;

A breve sarà pubblicato sul sito camerale il materiale esposto nel convegno conclusivo.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top