Skip to content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Legge sul Made in Italy. Vignolini: “Segnale importante per le imprese”

Un segnale molto positivo per le nostre imprese, che in questi anni difficili hanno continuato a sostenere i distretti e il sistema-Paese”. Questo il parere di Moreno Vignolini, presidente nazionale della Federazione Moda Confartigianato e vicepresidente di Confartigianato Imprese Prato, sul disegno di legge volto a promuovere e tutelare il Made in Italy, approvato con procedura d’urgenza dal Consiglio dei Ministri il 31 maggio scorso.
Il disegno di legge – proposto da dodici ministri, tra cui il Ministro delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso –
mira a sostenere lo sviluppo delle produzioni nazionali d’eccellenza, valorizzare le bellezze naturali e il patrimonio culturale, nonché promuovere l’inclusione sociale e sostenere i giovani.
Particolare apprezzamento va alla proposta di promuovere e sostenere la ricerca, la sperimentazione e l’innovazione dei processi produttivi di fibre di origine naturale – dice Vignolini – Ma attenzione: si deve tenere conto delle dimensioni delle imprese italiane della filiera tessile, in linea con gli indirizzi rispetto al riciclo e riutilizzo degli scarti tessili”.
Nel disegno di legge appena approvato è prevista una serie di misure suddivise per ambiti d’intervento.
Per quanto riguarda le filiere strategiche nazionali sono previste misure a favore delle imprese, tra le quali l’istituzione del Fondo nazionale per il Made in Italy, per con una dotazione iniziale di un miliardo di euro. Questo fondo mira ad attirare capitali e a realizzare investimenti governativi diretti e indiretti per sostenere le imprese.
Numerosi anche gli interventi in campo scolastico e formativo, a cominciare dall’istituzione del Liceo del “Made in Italy”, che offrirà un percorso formativo finalizzato a promuovere le conoscenze e le abilità connesse all’eccellenza dei prodotti e della tradizione italiana.


Condividi!

Questo post ha un commento

  1. VORREI SAPERE SE QUESTI EMENDAMENTI APPROVATI A ROMA, RELATIVI AL MADE IN ITALY, HANNO UNA INCIDENZA SULLA NECESSITA’ DELLE CERTIFICAZIONI (GRS).
    GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE
    CORDIALI SALUTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su