skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Girls’Day, si conclude la quinta edizione

CON LA PREMIAZIONE NEL SALONE CONSILIARE DEL COMUNE SI CONCLUDE LA QUINTA EDIZIONE DEL GIRL’S DAY
Sessanta ragazze a scuola… d’impresa
GirlsDay 2015
Affacciarsi per la prima volta sul mondo del lavoro per allargare gli orizzonti su quella che sarà la scelta della propria attività.  Sono circa sessanta le studentesse delle seconde medie delle scuole Don Bosco, Ser Lapo Mazzei e Sem Benelli di Prato che verranno premiate sabato mattina, 30 aprile, nel salone consiliare del Comune, dove riceveranno l’attestato per la partecipazione alla quinta edizione del Girl’s Day, progetto organizzato dal Movimento Donne Impresa di Confartigianato Imprese Prato con la collaborazione del Comune di Prato.
Le studentesse, delle classi seconde delle rispettive scuole, hanno sostenuto incontri formativi con imprenditrici di vari settori per poi trascorrere una giornata in azienda per rendersi conto coi propri occhi di qual è la realtà di un’attività in proprio. Obiettivo: far capire alle ragazze, alle soglie delle prime scelte importanti per il loro futuro, che accanto ai lavori come dipendenti, tra l’altro sempre più rari, esiste la possibilità di coltivare un sogno, un’abilità o una passione propria trasformandola in un progetto imprenditoriale. “E’ un piccolo grande progetto – ha detto Cristina Pacini, presidente del Gruppo Donne Impresa di Confartigianato Imprese Prato – perché nella sua semplicità vuole raggiungere un grande obiettivo, avvicinando le ragazze giovani al mondo del lavoro facendole prendere consapevolezza delle opportunità che le si offrono. Inoltre tende a sfatare alcuni luoghi comuni per cui certi mestieri sono ad esclusivo appannaggio maschile. In realtà non c’è attività che una donna non possa fare”.
Le imprese coinvolte nel progetto  presso cui sono state ospitate le ragazze sono la Scuola Oltremari Loretta, Carta Zucchero, Labem, Vittoria Assicurazioni, It Camp Travel, la Stamperia Nuova Kameleont e il Laboratorio Dolcelab.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top