skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Firmato l’accordo quadro tra Confartigianato e Istituto Marconi

È stato siglato mercoledì 11 Gennaio 2023, tra l’Istituto Professionale “Guglielmo Marconi” di Prato e Confartigianato Imprese Prato per supportare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro un Accordo quadro valido per la Federazione IMPIANTI (elettronici, elettrici, termoidraulici), e la Federazione AUTORIPARAZIONE (meccatronici, carrozzieri, centri revisione veicoli). La firmas al documento è stata apposta dal dirigente Romano Mati, in rappresentanza di Confartigianato Imprese Prato e dal preside dell’istituto Marconi, Paolo Cipriani.

Per dare attuazione concreta all’accordo potranno essere svolte le seguenti attività di collaborazione:

  • ORIENTAMENTO: organizzazione di eventi per far conoscere agli studenti le caratteristiche del tessuto economico-produttivo, collaborazione nella organizzazione dei laboratori orientativi organizzati dall’Istituto;

  • TESTIMONIANZE: incontri, presso la scuola, con imprenditori, artigiani, operatori e collaboratori delle aziende, per far conoscere a studenti e famiglie le realtà produttive locali;

  • VISITE DIDATTICHE PER DOCENTI ED ALLIEVI: incontri presso le imprese in cui far conoscere direttamente le aziende, i processi produttivi ed i servizi; i ruoli professionali;

  • FOCUS GROUP DOCENTI/RAPPRESENTANTI DELLE IMPRESE: per aggiornamento dell’offerta formative e dei programmi didattici;

  • PROJECT WORK –IeFP, IFTS, ITS: realizzazione di progetti finalizzati a coinvolgere gli studenti in maniera attiva, anche post diploma;

  • TIROCINI FORMATIVI PCTO (ex Alternanza scuola-lavoro): co-progettazione di tirocini formativi per le classi III IV e V dell’Istituto, anche durante il periodo estivo, mediante individuazione di aziende disponibili e relativi tutor aziendali;

  • ATTIVITA’ ERASMUS +: Ideazione e presentazione di progetti in ambito Erasmus +, con particolare attenzione per le azioni chiave 1 e 2 legate rispettivamente alla mobilità degli studenti/personale e ai partenariati strategici in ambito VET; coinvolgimento in attività di valutazione e disseminazione durante l’implementazione di progetti Erasmus +.

Attraverso la sottoscrizione dell’accordo sarà sostenuto il passaggio, degli studenti dalla scuola alle imprese associate a Confartigianato, consolidando così la collaborazione esistente tra l’Associazione degli artigiani e l’Istituto. L’esperienza dello studente in azienda potrà essere realizzata secondo quanto previsto dai tirocini formativi PCTO per un importante numero di ore per ciascun anno scolastico. Grazie all’accordo, sarà garantita la co-progettazione, nel rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro sia dei percorsi formativi a scuola che in azienda.

È quanto mai necessario che l’Istituto “Marconi” continui a costruire un dialogo con le imprese artigiane – commenta il preside dell’istituto, Paolo Cipriani – favorendo strumenti di integrazione tra sistema scolastico e mondo del lavoro in grado di rispondere alle numerose richieste di occupabilità dei giovani che provengono dalle aziende del territorio”.

La firma dell’accordo – dice il presidente di Confartigianato Imprese Prato, Luca Giusti – va a suggellare una collaborazione attiva già da tempo tra le parti. Con l’accordo, questa collaborazione diventa un progetto strutturato per realizzare quella sintonia tra mondo della scuola e mondo del lavoro di cui da sempre si avverte la forte necessità. Un impegno che produrrà giovani preparati e motivati a realizzare una loro attività con riflessi estremamente positivi sulla nostra economia e più in generale sul tessuto sociale del nostro territorio”.

E investendo su questo versante illustrato da Giusti, Confartigianato Imprese Prato garantirà ai diplomati dell’Istituto Marconi la possibilità di aprire la propria impresa a titolo gratuito attraverso le strutture dell’associazione.

“Un nostro impegno costante è quello di stimolare e promuovere la nascita di nuove imprenditorialità – ribadisce Giusti – Come associazione possiamo liberarli dalle pastoie burocratiche che accompagnano l’avvio di una nuova attività. E quindi seguirli e sostenerli nei successivi passi sul mercato”.

 

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top