skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Firmato il Protocollo d’Intesa sulla governance del Next Generation Prato

Firmato venerdì 15 aprile 2022 in Palazzo comunale il Protocollo di intesa tra Comune di Prato, Camera di Commercio, Pin Polo Universitario Città di Prato e parti economiche e sociali per la governance del Next Generation Prato, il documento di indirizzo e programmazione approvato e firmato nel luglio 2021 con cui Prato si prepara a recepire i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: il documento disegna il futuro della città attraverso 24 schede di progetto che sintetizzano gli interventi tesi a migliorare la qualità della vita,il livello tecnologico del distretto, il lavoro e l’economia. per la piena realizzazione degli ideali dei  nostri giovani.
“La soddisfazione di Confartigianato per la firma di questo Protocollo d’intesa è piena – dichiara Luca Giusti, presidente di Confartigianato Imprese Prato – Ancora una volta Prato dimostra di essere capace di un confronto chiaro e costruttivo tra le istituzioni più importanti e rappresentative della città che non può che produrre risultati importanti come lo è la firma di questo protocollo. Un confronto chiaro e pulito che deve proseguire nell’interesse della città e del suo tessuto economico e sociale”.

IL PROTOCOLLO D’INTESA.

L’accordo avrà validità di tre anni e sarà rinnovabile per ulteriori due.
Come riporta il documento, il Patto si propone di migliorare il coordinamento nella programmazione e progettazione del Next Generation Prato rispetto ai bandi e alle opportunità di finanziamento che si presenteranno nei prossimi mesi,e di monitorare le varie fasi di attuazione del PNNR.
Le parti intendono inoltre promuovere quale strumento essenziale del Patto un tavolo periodico di coordinamento attraverso il quale realizzare un costante monitoraggio delle opportunità che si presenteranno con particolare attenzione alle 24 schede progetto inserite nella strategia NGP, realizzare un monitoraggio delle varie fasi di attuazione delle progettualità che coinvolgeranno il Comune di Prato per massimizzare la conoscenza e la condivisione con la città delle varie fasi di realizzazione del PNRR.
Il Tavolo è coordinato dal Comune di Prato e formato dai soggetti individuati dalle parti. Si riunirà periodicamente, almeno una volta ogni due mesi.

Ecco gli impegni definiti dal Protocollo d’Intesa.

Il Comune di Prato si impegna a formalizzare il tavolo di coordinamento e a convocarlo con cadenza bimestrale ; a effettuare costante attività di monitoraggio dei bandi e delle opportunità di finanziamento rispetto alle schede progetto inserite nel NGP; a coordinare le singole azioni progettuale in partnership con gli stakeholder coinvolti ai fini di aggiudicarsi il finanziamento, anche con l’ausilio del partner tecnico PIN Polo Universitario Città di Prato; a comunicare le varie iniziative del tavolo attraverso la piattaforma di Prato Circular City.
Le parti si impegnano a garantire un rapporto costante con l’Amministrazione comunale per permettere lo scambio di informazioni sulle opportunità di finanziamento relative ai settori individuati come prioritari e strategici per loro, nell’ambito del presente Patto; a mettere a disposizione competenze e personale per raggiungere i fini delle progettualità che li coinvolgono; a individuare nei partecipanti al protocollo i soggetti più vicini per intraprendere forme di dialogo utili alla risoluzione di eventuali criticità da loro rilevate; ad utilizzare le proprie competenze, anche attraverso il trasferimento di conoscenze utili al miglioramento del livello delle progettualità messe in campo, per contribuire al sostegno degli altri firmatari del protocollo nelle eventuali attività di coordinamento; a fornire e rendere fruibili agli altri firmatari del Protocollo i servizi che ogni associazione eroga all’interno della propria struttura, valutando e condividendo di volta in volta e preventivamente le forme, le modalità e gli obiettivi.

LE ALTRE DICHIARAZIONI

“Il Protocollo d’intesa firmato oggi – ha dichiarato l’assessore alle Attività produttive e Innovazione Benedetta Squittieri – diventa uno strumento operativo e concreto che l’Amministrazione insieme a tutte le parti sociali si dà per monitorare l’andamento degli investimenti realizzati col PNRR e come quest’ultimo si intreccia con gli obiettivi strategici della città riportati in Next Generation Prato.  Il Protocollo d’intesa – continua l’assessore Squittieri – è la naturale prosecuzione di un lavoro di concertazione  di cui abbiamo già gettato le basi”.
“Da questo punto di vista – ha aggiunto l’assessore alle Politiche di Economia circolare e pianificazione del territorio Valerio Barberis – per realizzare strumenti di governance di questo tipo ci sono indicazioni chiare a livello europeo. Ma il risultato raggiunto da noi oggi con il Protocollo d’intesa  è importante  proprio per il lavoro di concertazione che ha precedeuto la firma e che ha fissato gli obiettivi strategici per la città”.
“Il Pin Polo Universitario di Prato fornisce servizi didattici e formativi per i giovani – afferma Daniela Toccafondi, presidente del Pin Polo Universitario Città di Prato – e ha l’obbligo morale di mettersi a disposizione in un fecondo dialogo per il futuro dell’area e per la piena realizzazione degli ideali dei  nostri giovani”.
“La soddisfazione di Confartigianato per la firma di questo Protocollo d’intesa è piena – dichiara Luca Giusti, presidente di Confartigianato Imprese Prato – Ancora una volta Prato dimostra di essere capace di un confronto chiaro e costruttivo tra le istituzioni più importanti e rappresentative della città che non può che produrre risultati importanti come lo è la firma di questo protocollo. Un confronto chiaro e pulito che deve proseguire nell’interesse della città e del suo tessuto economico e sociale”.
“Sono molto soddisfatta per la sottoscrizione di questo protocollo di intesa sulla Governance di Next Generation Prato – afferma  Dalila Mazzi, presidente della Camera di commercio di Pistoia-Prato –  perchè testimonia la volontà di collaborare di tutti gli attori coinvolti ad un obiettivo condiviso a favore del nostro territorio. Una volontà fondamentale per il futuro e la crescita del tessuto imprenditoriale pratese, ora più che mai.”
“Le grandi difficoltà di questo momento storico rendono particolarmente apprezzabile e positivo il metodo di lavoro che Prato si è data per progettare il proprio futuro – commenta Fabia Romagnoli, vicepresidente di Confindustria Toscana Nord  –    Condivisione e convergenza di istituzioni e parti sociali sulla definizione di linee comuni e impegno di tutti per la loro realizzazione nei termini più efficaci e utili alla città. Il documento Next Generation Prato presenta aspetti di forte interesse per le imprese: l’attenzione per l’innovazione, in primo luogo, applicata a vari ambiti, ma anche iniziative per monitorare un aspetto delicatissimo della vita economica e sociale del territorio come quello del mercato del lavoro. I progetti per la rigenerazione urbana sono anch’essi importanti sia per le opportunità che la loro realizzazione potrà auspicabilmente offrire a imprese locali sia come occasione di riqualificazione della città.”
“Il documento strategico di Prato delinea le strategie dei prossimi anni, rappresentando però anche un punto di partenza per le future attività da realizzare – dice Renza Sanesi, presidente territoriale di Prato Confcooperative Toscana Nord –  I percorsi delineati, immediatamente cantierabili e con un focus sul distretto tessile, hanno permesso di sperimentare un metodo di lavoro da replicare anche per settori altrettanto importanti quali il turismo, la cultura e in senso ampio i servizi di tenuta delle comunità e di sviluppo dell’economia civile. Così come il periodo storico che stiamo attraversando ci chiama ad essere sempre pronti e capaci di cogliere gli immediati cambiamenti, così questo documento dovrà essere aperto e aggiornabile”.
“La firma di oggi sul Protocollo di Intesa per la governance della Next Generation segna un passo avanti nel percorso iniziato con l’ intesa del 21 luglio 2021 sulle 24 schede di progetto per l’attuazione degli interventi su lavoro, economia, livello tecnologico del distretto e qualità della vita – affermano il segretario generale della Cgil Prato Lorenzo Pancini, Marco Bucci della Segreteria Cisl e il coordinatore provinciale Uil Prato Rodolfo Zanieri – In un momento complicato per la vita del nostro Paese e dell’Europa, con i riflessi che si stanno determinando rispetto al rilancio delle attività a causa del conflitto in atto, è ancora più importante e significativo che i percorsi di recepimento dei fondi del PNRR si concretizzino in una piena intesa fra parti istituzionali e parti sociali del nostro territorio e del nostro distretto. Cgil Cisl e Uil saranno fin da subito presenti e determinate nel favorire quei percorsi e quelle sintesi necessarie per un rilancio vero e efficace”.
“Sin dal primo momento con Next Generation Prato abbiamo condiviso gli obiettivi e la coprogettazione degli interventi legati al Pnrr insieme a tutte le parti economiche e sociali, perché questa è un’occasione unica che dobbiamo cogliere tutti insieme. – conclude il sindaco Matteo Biffoni – Vogliamo andare oltre, questa sinergia è il nostro metodo di lavoro costante anche nella fase di realizzazione e verifica degli obiettivi che ci siamo preposti, una collaborazione che è importante anche formalizzare in questo Protocollo d’intesa”.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top