skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |
Deassimilazione Scarti Tessili - Incontro dibattito Confartigianato Imprese Prato

DEASSIMILAZIONE SCARTI TESSILI


TIPO EVENTO: Dibattito

Ad un anno dall’avvenuta de-assimilazione degli scarti tessili nel territorio della Provincia di Prato, con scadenze diversificate nei vari Comuni, si sono riscontrate diverse criticità legate a questa variazione normativa ed operativa. I produttori di scarti tessili lamentano oggettive difficoltà per il loro smaltimento, in quanto le ditte che dovrebbero provvedere al loro ritiro, in particolar modo per la micro raccolta sul territorio, non stanno ottemperando alle richieste e si trovano in stato di conclamata difficoltà.

Ci sono stati segnalati molteplici casi in cui le aziende devono contattare per mesi gli operatori del settore prima di avere un ritiro di questi scarti e altrettanti casi ci sono stati segnalati circa la correttezza del ritiro stesso (questioni legate alle modalità operative di ritiro e del peso verificato e fatturato alle aziende). In contemporanea, a causa proprio del mancato ritiro degli scarti tessili, si vengono, inoltre, a creare ulteriori problemi:

  • le aziende si trovano con i magazzini pieni di scarti tessili, con la conseguenza di un incremento del quantitativo di materiali combustibili presenti nei locali che, oltre a provocare un maggiore rischio di incendio, in alcuni casi può comportare la problematica di obbligare il datore di lavoro alla richiesta di Certificato prevenzione Incendi per superati quantitativi massimi di materiale tessile in stoccaggio;
  • Il D.lgs. 152/2006 prevede precisi limiti dimensionali e temporali per il deposito temporaneo degli scarti in azienda; il mancato ritiro degli stessi può comportare il superamento delle soglie previste per il deposito temporaneo con conseguente sanzione per stoccaggio di rifiuti in assenza di autorizzazione;
  • Per il mantenimento delle riduzioni della TARI legate all’esclusione delle superfici su cui si producono rifiuti speciali le aziende devono dimostrare ad Alia (ogni anno entro il 31/05) di aver gestito correttamente tali scarti. Il mancato ritiro può avere come conseguenza la mancata conferma della riduzione.

Alla luce di quanto sopra riportato si è ritenuto opportuno organizzare un incontro nel quale possano essere analizzate le varie problematiche, in attesa di trovare le soluzioni più adeguate a quello che riteniamo essere non solo un problema specifico di alcune aziende ma un problema sociale, di entità non indifferente.

INTERVERRANNO:

  • MATTEO BIFFONI Presidente Provincia di Prato e Sindaco di Prato
  • I SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI PRATO
  • ILARIA BUGETTI Vice Presidente II° Comm. Sviluppo Economico Reg.Toscana
  • ROBERTO PAGLIOCCA Presidente di “PROGRAMMA AMBIENTE”
  • I RAPPRESENTANTI DELLE IMPRESE DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEL TERRITORIO

Siamo in attesa di conferma della partecipazione dell’Assessore Regionale all’Ambiente FEDERICA FRATONI

 

QUANDO

  • Data Inizio : 22/02/18 21:00
  • Data Fine : 22/02/18 23:00

PER PARTECIPARE

MATERIALE INFORMATIVO

    Back To Top