skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

CHIARIMENTI SULL’UTILIZZO DELL’AUTOCERTIFICAZIONE

Con l’entrata in vigore delle ultime disposizioni annunciate dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sono anche cominciati i primi controlli. Le Forze dell’Ordine danno un chiarimento sulle autocertificazioni e spiegano perché da stamattina sono già partite le prime denunce.
Il possedere e compilare una autocertificazione – ancorché su modello valido – non è motivo per poter girare liberamente e spostarsi sul territorio senza limitazioni, neanche da soli.

RICORDIAMO CHE IL DECRETO INTIMA A TUTTI DI RIMANERE IN CASA ED USCIRE SOLO PER COMPROVATE NECESSITÀ.

Le comprovate necessità sono:

  • motivi di lavoro
  • acquisto di beni di prima necessità o spesa
  • motivi di salute

COSA AVVIENE IN CASO DI CONTROLLO

Al momento del controllo le Forze dell’ordine fanno dichiarare e firmare il motivo per cui la persona si sta spostando. Fatto questo la pattuglia verifica (es. chiamando in azienda, chiamando il vostro medico, etc …) in base alla dichiarazione rilasciata. Se dopo le opportune verifiche, le forze dell’ordine preposte al controllo scoprono che quello che è stato dichiarato non corrisponde a verità, il controllato è passibile di essere multato due volte: una per la violazione dell’ordinanza di salute pubblica Coronavirus e l’altra per dichiarazioni mendaci.
E questo provvedimento non si limita solamente alle persone che si spostano con mezzi di locomozione meccanici.  “Anche chi va a piedi deve portare l’autocertificazione” afferma il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, in conferenza stampa sull’emergenza Coronavirus.

La questione dell’approvvigionamento di generi alimentari richiede dei chiarimenti specifici :

  • Si deve cercare di fare la spesa limitandosi al proprio Comune di residenza;
  • Fare la spesa non significa fare shopping: l’uscita deve essere mirata e circoscritta al tempo necessario per fare la spesa;
  • Limitare l’uscita ad una persona per famiglia;
  • Se in un autovettura si trovano più persone che stanno andando a fare la spesa potrebbe scattare la multa.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top