skip to Main Content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Al Pecci la II edizione del convegno sulla Scuola inclusiva

Lunedì 22 ottobre al Museo Pecci si terrà la II edizione del Convegno Regionale “Il volto della scuola inclusiva: strumenti, buone pratiche, riflessioni e proposte per includere e non escludere”, organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana in collaborazione con la Regione Toscana, Provincia di Prato, Comune di Prato, USL Toscana Centro, CTS (Centro Territoriale di Supporto) e Confartigianato Imprese Prato. A presentare l’iniziativa in Palazzo Comunale l’assessore all’Istruzione Mariagrazia Ciambellotti, Maria De Simone dell’Ufficio scolastico provinciale, Pierpaolo Infante dell’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, la vicepresidente della Provincia Paola Tassi e Romano Mati, dirigente di Confartigianato Imprese Prato.
Obiettivo del convegno – rivolto a dirigenti scolastici, docenti, genitori e a tutti gli operatori del settore – un confronto sul tema dell’inclusione degli studenti con disabilità nel mondo del lavoro, una volta terminato il percorso di studi.
“È necessario ribadire il valore della scuola inclusiva, l’importanza di una formazione specifica per i docenti – che spesso non hanno gli strumenti per affrontare determinate situazioni – ma anche l’importanza della creazione di un percorso adeguato e su misura per ogni ragazzo” le parole dell’assessore all’Istruzione Maria Grazia Ciambellotti.
La vicepresidente della Provincia di Prato, Paola Tassi, ha tenuto a sottolineare come “sia il Comune che la Provincia negli ultimi quattro anni – dall’insediamento della giunta Biffoni – si siano dati da fare anche per quanto riguarda la sistemazione e il miglioramento degli spazi, per offrire delle scuole a misura di alunni”.
“Prato ha iniziato da tempo a sperimentare l’inserimento degli alunni disabili nelle scuole, addirittura già dagli anni ’60, quasi dieci anni prima dell’intervento ufficiale della legge a riguardo” sottolinea l’assessore Ciambellotti. “Adesso vogliamo passare alla fase successiva e pensare anche all’inclusione una volta fuori dalla scuola”.
Pierpaolo Infante, referente Inclusione dell’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, afferma che in Toscana è in crescita il numero di studenti con bisogni speciali: sono, infatti, 16.000 quelli affetti da disabilità sia fisica che psichica, di cui 6.000 affetti da disabilità grave, a fronte di circa 12.000 docenti di sostegno, numero superiore alla media Italiana.
Solo a Prato, invece, i numeri parlano di più di 1.000 studenti di cui almeno 300 in una condizione di gravità. Ogni anno, sono circa 100 i ragazzi in uscita dalle scuole superiori ma solo una percentuale molto bassa di questi riesce a collocarsi nel mondo del lavoro. “È sicuramente importante l’orientamento formativo, ma è necessario fornire a questi studenti e alle loro famiglie anche un orientamento in uscita, che li metta al corrente delle possibilità che esistono per loro una volta usciti dal mondo della scuola” le parole di Infante.
In quest’ottica, il percorso formativo dell’Alternanza Scuola-Lavoro può essere uno strumento che favorisce l’inserimento di questi giovani. “Da quest’anno, nelle scuole medie e superiori della provincia pratese è stato introdotto il “diario di bordo dello studente”, uno strumento in cui verranno annotate le abilità e le attitudini dimostrate dagli studenti con bisogni speciali nel corso degli anni proprio in vista di un inserimento il più mirato possibile all’interno del progetto di alternanza scuola-lavoro, trampolino di lancio per il loro futuro lavorativo” ha rivelato la responsabile all’inclusione dell’Ufficio scolastico provinciale Maria De Simone.
Il convegno, vedrà nel pomeriggio un momento di incontro tra aziende e alunni in uscita dalle scuole secondarie di secondo grado. I candidati, avranno l’occasione di farsi conoscere in modo approfondito e anche di conoscere meglio le realtà aziendali, la loro cultura e la loro attenzione alle tematiche di inclusione. “Siamo riusciti a coinvolgere 18 aziende operanti nei settori dei servizi, del manifatturiero e del commerciale” ha dichiarato Romano Mati di Confartigianato. “È una scommessa, siamo all’inizio di un percorso, stiamo lavorando per sensibilizzare le aziende su questo tema perché ci piacerebbe andare oltre l’imposizione prevista della normativa – che obbliga le piccole e medie imprese (PMI) con determinate caratteristiche e la Pubblica Amministrazione ad assumere una percentuale di dipendenti disabili”.
L’inizio è previsto per le ore 9 con i saluti delle autorità e successivamente una serie di interventi in plenaria fino alle 13.30. Saranno presenti, tra gli altri, i professori Dario Ianes e Andrea Canevaro, due luminari della Pedagogia. Dalle 14.30, avrà luogo l’incontro tra aziende e candidati.
È alto l’interesse dimostrato fino ad ora. Sono, infatti, circa 250 le iscrizioni provenienti dal mondo della scuola. Per partecipare è infatti obbligatorio compilare il modulo d’iscrizione, al link https://goo.gl/9NReUq entro oggi, 17 ottobre.

Il programma

Ore 8.30 – Registrazione partecipanti
Plenaria dalle 9 alle 13.30
Ore 9 – Saluti delle Autorità
Ore 9.30 – “Buone patriche dal mondo della scuole”
Alessandro Bertolucci, attore e doppiatore
Ore 9.40 – Alessandro Giorni, dirigente I.C. Gandhi sede CTS Prato
Ore 9.45 – Romano Mati, dirigente Confartigianato Prato
Ore 10.15 – “Programmi di inclusione scolastica e lavorativa per studenti con autismo”
Prof. Fiorenzo Laghi, professore in Psicologia dello sviluppo alla Facoltà di Medicina e Psicologia all’Università La Sapienza di Roma
Ore 11 – Pausa Caffè
Ore 11.15 – “Verso una scuola inclusiva: la prospettiva dell’univers-quità”
Prof. Dario Ianes, docente ordinario di Pedagogia e Didattica Speciale all’università di Bolzano
Ore 12 – “Dall’insegnamento lineare e simultaneo a una logica formativa ecosistemica”
Prof. Andrea Canevaro, professore emerito all’Università di Bologna
Ore 12.45 – “Transizione e processi di valutazione”
Marco Armellini, neuropsichiatra USL Toscana Centro
Ore 13.15 – Pausa Pranzo
Ore 14.30 – Incontro sulle sensibilità. Aziende e candidati hanno l’occasione di conoscersi.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top