Skip to content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Sp 325: è tempo di risposte chiare e immediate

Una lettera ai sindaci della Valbisenzio, di Prato e al presidente della Regione e al presidente della Provincia per ottenere finalmente risposte all’annoso problema del collegamento stradale con la Valbisenzio, reso evidente ancora una volta in tutta la sua gravità dall’incidente di ieri, che ha di fatto paralizzato la circolazione stradale per l’intera giornata.

Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro e Confartigianato Imprese Prato, che da anni sollecitano le istituzioni per l’individuazione di soluzioni alternative alla 325, capaci di garantire i collegamenti e quindi la sicurezza della Vallata, pongono come prioritario la definizione e l’implementazione di un progetto che, dopo troppi anni di dibattiti senza alcun risultato, metta fine a una situazione di estrema precarietà in cui si trovano a vivere i cittadini residenti in Valbisenzio e tutti coloro che vi si recano per lavoro o altro.

“In questo momento l’ultima cosa che ci interessa è il gioco delle accuse – dice il vicepresidente di Confartigianato Imprese Prato, Moreno Vignolini – Dobbiamo tuttavia prendere atto oggi che quanto accaduto ieri è il risultato di scelte non fatte, di mancanza di attenzione e di lungimiranza, di una politica pigra nel delineare strategie economiche che vanno ben oltre la stessa Vallata. Ieri oltre 10mila persone sono rimaste intrappolate in un evento che da anni veniva previsto ma che, evidentemente, non siamo stati capaci di evitare.
Quello che serve adesso è chiarezza. Vogliamo sapere cosa hanno intenzione di fare le istituzioni preposte in merito. Tavoli, cene e dibattiti ne abbiamo già fatti a sufficienza. Adesso vogliamo solo risposte. Chiare. Fosse anche un semplice no. Ma finalmente chiaro”.

“Il fatto di ieri è stato particolarmente eclatante, ma chi conosce quella strada sa che lì il traffico è bloccato o rallentato, per vari motivi, praticamente  ogni giorno – afferma Daria Orlandi, nella sua veste di consigliere delegato alle infrastrutture di Confindustria Toscana Nord – ; ciò significa disagi per cittadini, aziende del territorio e per chi le deve raggiungere, in entrata e in uscita.  La situazione di quella strada ci preoccupa da sempre. Al tema, indubbiamente cruciale della fluidità del traffico, si aggiunge adesso quello che deve diventare sempre più attuale per le infrastrutture poste in territori fragili per la loro posizione geografica; ovvero il rischio di frane, alluvione e smottamenti.

Non ce li  possiamo permettere, e chiediamo quindi la progettazione solerte di una viabilità  alternativa a quella attuale e che metta in connessione funzionale anche importanti aree produttive del nostro distretto. Ulteriori ritardi, alla luce delle esigenze della Valdibisenzio e di quello che vediamo succedere in tante parti del Paese, sarebbero ormai segno di una colpevole  non presa in carico del problema”.

«La realizzazione di un progetto credibile e realizzabile per la SS325 e per tutta la viabilità di vallata è ormai urgente e improrogabile – dice il Presidente di CNA Toscana Centro Claudio Bettazzi – E’ inaccettabile che le imprese e i cittadini che gravitano su questa unica strada di collegamento restino ostaggio di qualsiasi imprevisto, che si tratti di incidenti stradali, frane o eventi naturali. E’ necessario realizzare quanto prima progettualità e opere per risolvere definitivamente questa criticità, vanno definiti con precisione costi e tempi di realizzazione e avviate subito azioni per reperire risorse. La questione della viabilità è un nodo irrisolto e storico per la Val di Bisenzio e per questo non va banalizzato o ricondotto esclusivamente alla creazione di una nuova arteria viaria, ma va letto in termini di spostamento persone e traffico merci e a sua volta in traffico distrettuale (per le filiere locali) o in traffico fuori distretto».

 


Condividi!

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su